Nadi


Il complicato sistema delle Nadi, una sorta di rete sottile di canali (in sanscrito nadi significa letteralmente “vena”, “canale”), ha la funzione di collegare e convogliare il Prana, l’energia vitale, attraverso le diverse parti e i vari centri sottili (Chakra) del corpo umano.

Le Nadi si incrociano lungo la colonna dei Chakra, centri privilegiati di contatto fra il corpo materiale e il corpo energetico. Non è possibile averne la certezza, ma nella funzione delle Nadi sembra compresa quella dei sistemi nervosi, anche se queste funzioni non sono ancora integralmente note.

In realtà non è corretto però definire Nadi e Sistema nervoso come la stessa cosa: meglio dire che le Nadi controllano anche le funzioni nervose.

Quello che è certo, e che sempre più interessa la moderna neurofisiologia, è che c’è un rapporto strettissimo tra il respiro da ciascuna narice e l’attivazione del relativo emisfero cerebrale. Nello Yoga grandissima importanza hanno appunto i Pranayama a narici alternate.

Tre sono considerate le principali in quanto governano l’intera circolazione del Prana nei processi corporei.

Ida

Scorre lungo la parte sinistra del corpo. Sorge dal plesso sacro-coccigeo, a sinistra, e termina alla radice della narice destra. Dal suo punto di partenza alla base della colonna vertebrale scorre nei cinque plessi principali o Cakra.

L’energia veicolata da questa Nadi è la polarità negativa, intesa come flusso di Citta, l’energia mentale della coscienza. Essa è simboleggiata dalla luna, è chiamata quindi anche Chandranadi (canale lunare).

Ida ha la funzione di acquietare e rinfrescare il corpo. Le sue funzioni sono assimilabili a quelle del sistema nervoso parasimpatico; ha il compito di introvertire e conservare l’energia per attivare determinati visceri, aiutare la secrezione di enzimi nell’apparato digerente, aumentare la peristalsi e vuotare la vescica; dal punto di vista mentale diminuisce l’identificazione con la struttura dell’Ego, per cui viene lasciato maggior spazio alla creatività, alla libertà delle idee, all’intuizione.

Pingala

Veicola la polarità positiva. Sorge dalla parte destra del plesso sacrococcigeo e termina alla radice della narice sinistra. Come Ida, sale a spirale lungo la colonna vertebrale e con essa s’incontra nei cinque Cakra principali. Mentre Ida li attiva negativamente, Pingala li influenza positivamente; è perciò chiamata la Nadi solare o Surya Nadi.

Il funzionamento di Pingala è sovrapponibile a quello del sistema nervoso simpatico che attiva il metabolismo: quindi stimola l’emissione di adrenalina, con conseguente accelerazione del battito cardiaco; crea costrizioni nei vasi sanguigni della pelle e del sistema digerente; rallenta i movimenti peristaltici.

Dal punto di vista mentale, in Pingala il senso dell’Ego è incoraggiato e la consapevolezza è rivolta verso l’esterno.

Sushumna

E’ la Nadi che corre esattamente al centro della colonna vertebrale ed è sovrapponibile, come posizione e funzione, al sistema nervoso cerebrospinale.

Si dice che nelle normali condizioni di esistenza Sushumna Nadi sia dormiente in tutti gli esseri; perciò, finché Sushumna è in questo stato non espresso, tutte le altre Nadi sono alternativamente sotto l’influenza positiva e negativa di Ida e Pingala.

Le Nadi sono attive quando il flusso del respiro fluisce attraverso la loro narice corrispondente. Quando, attraverso le tecniche del Pranayama (cioè dell’estensione della coscienza del respiro e del flusso vitale), stabiliamo un’armonia fra le due polarità e quindi abbiamo un fluire bilanciato del respiro attraverso entrambe le narici, Sushumna diventa pronta per accogliere la salita del grande potere di Kundalini, il serpente che si risveglia nel Muladhara Cakra.

La pratica delle asanas è accompagnata da un particolare ritmo di respirazione che ha il nome di Pranayama. Pranayama dal sanscrito significa “lunga vita e lungo respiro” proprio perchè questa respirazione ha numerosissimi effetti benefici sia sul corpo che sulla mente quindi permette di avere un copro più sano e una mente più lucida, una mente che malgrado il passare del tempo e l’avanzare dell’età rimane giovane.
E poichè il corpo è la scatola della mente, ad una mente giovane e lucida corrisponde sicuramente un corpo più sano e più equilibrato.