Ayurveda


in collaborazione con Antonella Lombardini

Ospitiamo, in queste pagine, alcune informazioni riguardanti l’Ayurveda.
Vuole essere solo una piccola introduzione, una scusa per approfondire questa grande ed importante tematica interconnessa allo Yoga per nascita e sviluppo nei secoli nella terra indiana.
Il nostro riferimento per l’Ayurveda è l’amica Antonella Lombardini da anni terapista praticante di questa antichissima scienza.

Clicca qui per avere maggiori informazioni riguardanti Antonella o per contattarla direttamente.

L’ayurveda è la medicina indiana

Non è un metodo di cura alternativo, ma un modo di curarsi diverso da quello conosciuto in occidente. Come la medicina occidentale, nasce in modo empirico più di 3000 anni fa; nei secoli i rimedi vengono studiati e convalidati da prove scientifiche. Oggi ci sono università, medici, ospedali ayurvedici. Gli antichi rimedi sono scritti nei Veda, testi sacri, in cui è contenuta tutta la conoscenza umana; da qui il nome  ayu  (vita) veda (conoscenza), ayurveda (conoscenza della vita).
Le cure ayurvediche si basano essenzialmente sulla giusta alimentazione, sul massaggio, su pratiche yoga e di purificazione e se occorre, medicine ricavate da piante e minerali (che si acquistano in farmacia).

Il principio su cui si basa la scelta della cura è mantenere in equilibrio i tre dosha:
VATA etere+aria
PITTA acqua+fuoco
KAPHA acqua+terra
Il cosmo è formato da questi elementi, noi (microcosmo) siamo fatti degli stessi elementi. Se vogliamo che tutto proceda in modo naturale e armonico dobbiamo mantenere l’equilibrio.

Quando nasciamo ereditiamo dai nostri genitori delle caratteristiche e si evidenzierà in noi la prevalenza di uno o più dosha; questo specie di D.N.A. è importante perché é a questa caratteristica a cui dobbiamo ricondurci se avviene un aggravamento in uno o più dosha.
E’ l’aggravamento a generare scompensi e malattie.
Il medico ayurvedico, solo dopo un’accurata analisi della persona, e stabilito il dosha da riportare in equilibrio, dirà quali alimenti evitare, i massaggi da fare e, eventualmente i farmaci.

L’alimentazione si basa sui 6 sapori:
dolce-amaro-astringente (effetto raffreddante)
acido-salato-pungente (effetto riscaldante)
che dovrebbero essere presenti nei pasti giornalieri.
La dieta ayurvedica non é rigida, anche perché, l’insoddisfazione dei desideri, crea a sua volta malattia, ma si impara presto a scegliere in modo spontaneo ciò che ci fa bene. Per concludere questo argomento cioccolato-caffé-alcool aggravano tutti i dosha. Latte- frutta-ghee-mandorle-riso basmati favoriscono una mente lucida.

Nei tempi antichi il massaggio in India veniva praticato da tutti e scambiato in famiglia; ancora oggi in alcune zone rurali é mantenuta la tradizione, ma non é raro anche nelle grandi città, trovare sulle strade massaggiatori, che col loro tappetino e i loro oli ti fanno un massaggio.
I massaggi agiscono sia a livello fisico che mentale: sostiene il sistema immunitario, circolatorio e respiratorio (che forniscono energia e ossigeno sotto forma di sostanze nutritive e aiutano ad espellere tossine), il sistema nervoso, endocrino, muscolare, scheletrico, digestivo,linfatico.
Facilita il rilassamento e l’auto guarigione; ferma il vagare della mente ed é uno scambio energetico.
E’ raccomandato a chi soffre di insonnia, a chi soffre di affaticamento; é indispensabile a chi pratica esercizio fisico (lo sforzo muscolare può essere dissolto solo col massaggio. Aumenta la capacità del corpo di adattarsi ai cambiamenti di temperatura, di pressione ed altri cambiamenti ambientali.
Il massaggio ha effetti anche sull’estetica: migliora l’idratazione della pelle, rendendola luminosa, ridona tono ai muscoli,rimodella le forme, favorisce la riduzione dell’adipe, i capelli rinvigoriscono, gli occhi acquistano luminosità. Nella tradizione indiana la bellezza è intesa come conseguenza del benessere fisico, psichico e spirituale; la decorazione del viso e del corpo tende a mettere in evidenza i pregi e non a nascondere i difetti.
Per ultimo voglio accennare al fatto che in ayurveda ha grande importanza tener conto delle ore del giorno, della stagione e del periodo di vita della persona, perché tutto é soggetto alla legge cosmica.
Clicca qui per avere maggiori informazioni riguardanti Antonella o per contattarla direttamente.