La mia esperienza


art-massi

Massimo Zambelli Master Reiki Metodo:
Usui; Japanese; Komyo;
Responsabile Didattico di Lodi e Provincia

Sede Operativa: Lodi C/O Sri Ganesh via S. Cremonesi 38
Recapiti: Tel. 0371.422406 Cell. 335.5903026
email: max.daykomyo@yahoo.it
Sito: www.yogaereiki.it

Ho iniziato ad occuparmi di Reiki nel 1995 sotto la guida della dott Cobelle Braile c/o RAMO (ricerca applicata in medicina olistica). Nel 2000 ricevo il maestrato del sistema Usui. Nel 2004 ricevo il maestrato del Karuna Reiki secondo l’ insegnamento del maestro W. Lee Rand. Nel 2006 ricevo il maestrato della Komyo Reiki Kai secondo l’ insegnamento originale del maestro Hiakuten Inamoto. Dal 2007 sono responsabile provinciale AIRE per la provincia di Lodi. Nel 2012 ricevo il maestrato della Gendai Reiki del maestro Hirosci Doi. Sono iscritto all’ associazione Zen Soto presso il monastero Zen Shobozan Fudenj. Sono in possesso del certificato nazionale rilasciato dallo CSEN settore discipline olistiche. Collaboro con associazioni e centri benessere della zona di Lodi. Nel 2011 viene pubblicato il mio libro “ Reiki la mia vita” edito da Linee Infinite. Dal 2014 sono operatore del M.E.S. massaggio energetico spirituale.

Esperienza Reiki

Lavorando con la pratica, ho avuto la fortuna di sperimentare e vivere diverse esperienze. Ultimamente ho trattato un amico molto sfortunato. Dopo aver subito un arresto cardiaco gli è venuto a mancare l’ossigeno al cervello e conseguentemente è entrato in coma. Su invito di sua moglie ho iniziato a lavorare su di lui con la pratica. Una situazione molto delicata e nello stesso tempo molto toccante. Lo scopo è quello di dare un aiuto, un sollievo, perché l’energia universale lavora anche nelle dimensioni più profonde e va da agire in vari livelli per il bene della persona trattata. Mi recavo un paio di volte alla settimana , nel reparto di rianimazione dell’ ospedale che il mio amico si trovava, (ancora oggi pur avendo cambiato struttura ). E’ stato veramente emozionante osservare gli attimi in cui apriva gli occhi e vedere come seguiva le mie mani. Pur restando al di fuori , ho vissuto la sofferenza di chi gli sta accanto, la solitudine… Dove c’è sofferenza la gente scappa… Ho visto con quanto amore e devozione la moglie lo segue. Sono stato testimone di qualche cosa di grande, che è avvenuto dentro di me. Ho avuto la consapevolezza di come l’ amore quello vero , quello che non muore mai , possa andare oltre, dare speranza, dare la forza di continuare anche in questi momenti. “REIKI” ha fatto un miracolo: ha risvegliato in me quella fiamma d’amore forse un po’ assopita, ha risvegliato quella voglia di dare, di amare,  di continuare a praticare senza aspettarsi niente, mettendo al centro di tutto il cuore che come tutti sappiamo è alla base della pratica stessa. Il cuore è indispensabile per praticare, è indispensabile per vivere al meglio la nostra vita. Credo sia importante osservare il mondo con gli occhi del cuore, mettere questo importante muscolo al centro della nostra vita. Cercherò di essere sempre presente con la pratica ma soprattutto con il cuore, nella vita di questo mio amico e di sua moglie per poter dare loro un po’ di conforto in questi momenti di grande sofferenza. Sicuramente l’energia universale lavora per il bene di questo amico, accompagnandolo qualunque sia il suo percorso.